Collaborare e condividere: Sharing School a Matera

By Carolina Pacchi 3 anni agoNo Comments
Home  /  Impresa Sociale  /  Collaborare e condividere: Sharing School a Matera
sharing_school

sharing_school

Una società e un’economia rinnovate, in cui le forme della collaborazione e della condivisione si diffondono nella produzione, nel consumo, nella fornitura di servizi. Società locali che si riorganizzano dal basso per rispondere direttamente a bisogni emergenti, attraverso la messa in circolo e in comune di risorse latenti di diversa natura (materiali, immateriali, di tempo, di conoscenza, ecc.). Cura dei beni comuni, spazi di co-working, open software, giardini di comunità, fab-lab contribuiscono tutti, in modi e a scale differenti, a un cambiamento che secondo alcuni osservatori sta mettendo in evidenza alcuni limiti del nostro modello di sviluppo.

A fronte di questa diffusione, in molte parti del mondo, è difficile comprendere se siamo di fronte a un potenziale rinnovamento sistemico, dall’economia della proprietà a quella dell’accesso, oppure se siamo di fronte a forme di lavoro dai margini, capaci di innervare il sistema con alcune piste di sperimentazione innovative, oppure ancora se siamo di fronte alla creazione di nuove nicchie per élites. Bisogna quindi darsi degli strumenti di lettura e interpretazione, capaci di distinguere e identificare percorsi promettenti.

Su questi temi lavora la Sharing School organizzata dal 23 al 26 gennaio a Matera da Casa Netural, Rena, Collaboriamo e LabGov, con il supporto tra gli altri di Avanzi. Categorie come reciprocità, scambio, condivisione, collaborazione vengono mobilitate, discusse, messe in circolo, usate in modo operativo per comprendere meglio opportunità e rischi in una costellazione di fenomeni emergenti, e allo stesso tempo per progettare servizi condivisi.

Neal Gorenflo, esperto e practitioner americano che si occupa da molto tempo di sharing economy, propone di leggere le possibili direzioni evolutive di queste pratiche attraverso una biforcazione che vede da un lato la presenza di operatori di mercato di grandi dimensioni, e dall’altro una forma più capillare di empowerment dal basso delle comunità locali: pillola blu o pillola rossa, come la drammatica scelta cui viene messo di fronte Neo, il protagonista di Matrix.

Category:
  Impresa Sociale
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply